mercoledì 16 dicembre 2015

RICHIESTA DI RINVIO A GIUDIZIO DE FANTI Silvio ROAT Paolo, MAFFIOLETTI Gabriella CAMPIDELL Peter


martedì 29 settembre 2015


RICHIESTA DI RINVIO A GIUDIZIO DE FANTI Silvio ROAT Paolo, MAFFIOLETTI Gabriella CAMPIDELL Peter


RICHIESTA DI
RINVIO A GIUDIZIO

DE FANTI Silvio 
ROAT Paolo,
MAFFIOLETTI Gabriella
CAMPIDELL Peter




- artt. 416, 417
c.p.p., 130 D.Lv. 271/89 -
AL SIGNOR GIUDICE PER
L'UDIENZA PRELIMINARE
PRESSO IL TRIBUNALE DI
CHIETI

Il Pubblico Ministero Dott.ssa Rosangela
Di Stefano
Visti gli atti del procedimento N. 4207/12 N.R. mod. U, nei confronti di:
DE FANTI Silvio Giacinto Giuseppe, nato a Torino il 18.8.1954 residente a Portogruaro
Via 
Campeio n. 35
elettivamente domiciliato in Milano viale Regina Margherita n. 30 do lo studio
del difensore di fiducia;
ROAT Paolo, nato a Trento il 3.7.1963 residente a Pergine Valsugana fne Ischia via Di
Valdesas 
n. 7 elettivamente domiciliato in Milano viale Regina Margherita n. 30 c/o
lo studio del difensore di 
fiducia;
MAFFIOLETTI Gabriella, nata a Taio il 14.7.1958 residente a Trenta Via del Loghet n. 5
elettivamente domiciliata in Milano viale Regina Margherita n. 30 c/o Io studio
del difensore di 
fiducia;
CAMPIDELL Peter, nato a Brunico il 15.2.1965 residente a San Genesio Atesino, ivi residente
in 
via Genesio
n. 2 elettivamente domiciliato in Milano viale Regina Margherita n. 30 c/o Io
studio del 
difensore di fiducia;
assistiti e difesi di fiducia dall' avv. Pilerio PLASTINA del foro di Milano
studio in Milano viale 
Regina Margherita n. 30
IMPUTATI
del delitto p. e p.
dagli artt. 110, 368 c.p. perché, in concorso tra loro, il DE FANTI quale
firmatario 
di un esposto depositato presso la Procura della Repubblica di Chieti, il
ROAT, la MAFFIOLETTI, 
il CAMPIDELL, quali firmatari di relazioni allegate al predetto esposto,
accusavano ingiustamente 
pur sapendoli innocenti i vertici della cooperativa LILIUM di San Giovanni
Teatino di maltrattare i ragn77.i ospiti della predetta struttura.
Fatto commesso in
Chieti, l' 11.10.2012
Identificate le persone dffese•n:
Società Cooperativa
g.oviale:"Liliurn" à r. I. Onlus, nella 
persona del legale
rappresentante 
LUPINETTI Vittorio, 'nato a Chieti il
23.12.1970 residente a Città Sant'Angelo strada Della 
Congrega n. 3;

Evidenziata
l'acquisizione delle seguenti fonti di prova: 
Visti gli artt. 416,417 c.p.p.
CHIEDE
L'emissione del decreto che
dispone il giudizio nei 
confronti dell'imputato per il reato sopraindicato.
Manda alla segreteria per
gli adempimenti di competenza e in particolare per la trasmissione, 
unitamente alla presente richiesta, del
fascicolo contenente la notizia di reato, la documentazione relativa alle indagini espletate e i verbali
degli atti eventualmente compiuti al giudice per le indagini 
preliminari.
Chieti,




Silvio De Fanti e  Paolo Roat


MAFFIOLETTI Gabriella

mercoledì 1 luglio 2015

La comunità salva le vite I processi inutili la uccidono

La comunità salva le vite I processi inutili la uccidono

Centro di eccellenza, esce dalla Legacoop e iniziano i guai: 47 visite dei Nas e denunce finite nel nulla, ma l'attività ormai ha chiuso. E tre ex ospiti sono morti per droga
 Dom, 19/10/2014 - 09:49

C'era una volta una coop sociale che rappresentava un'eccellenza per l'Italia centro-meridionale. Si chiamava Cearpes, sede a Sambuceto (Pescara), accoglieva ragazzi con gravi disagi, malati psichiatrici, tossicodipendenti, persone abbandonate.

Convenzionata con l'ospedale Gemelli di Roma e la clinica psichiatrica di Chieti, aveva oltre cento dipendenti e una cinquantina di ospiti in due strutture abruzzesi, a San Giovanni Teatino e Catignano.
Un brutto giorno di nove anni fa si aprirono le cateratte della giustizia italiana: ispezioni, indagini, sequestri, processi sommati a invidie e calunnie. Ora la vicenda è chiusa con assoluzioni per tutti. Nessuna delle accuse ha retto. Ma non hanno retto nemmeno la coop (azzerata), i lavoratori (rimasti a piedi) e gli ospiti, sballottati tra altre comunità e le carceri. Tre di loro, tossicodipendenti avviati al recupero, sono morti per overdose. Condannati dalla malagiustizia, senza sentenze e senza appello.

La Cearpas (Centro aggiornamento ricerche pedagogiche, economiche e sociali), fondata nel 1986 e iscritta a Legacoop, fatturava 5 milioni di euro. Era considerata un modello, nel 2003 fu visitata anche da Massimo D'Alema e Livia Turco. Quando cominciarono le ispezioni, l'anno dopo, il presidente Dominique Quattrocchi chiese una mano a Legacoop Abruzzo. Gli fu risposto che doveva sottostare a una coop sociale di Reggio Emilia sua concorrente. Quattrocchi si rivolse alla Cgil, ma l'allora segretario regionale del sindacato rosso pretese 40 tesseramenti e l'assunzione del figlio.
Il povero Quattrocchi assunse il giovane e altre due persone segnalate da Legacoop, ma non fece le tessere. In un clima pesantissimo, Cearpes lasciò Legacoop per iscriversi a Confcooperative. Franco Leone, leader della Cgil abruzzese denunciò presunte irregolarità e inadempienze e fu controdenunciato per minacce ed estorsione. E giunse la mazzata: nel maggio 2005 due minori che sostenevano di aver subito maltrattamenti vennero tolti alla comunità. Scattarono nuove ispezioni e perquisizioni. Sul registro degli indagati furono iscritti 19 tra responsabili e dipendenti della coop per sequestro di persona e maltrattamenti. Gli ospiti vennero trasferiti e la coop svuotata.
Nell'arco di un anno si contano 47 visite tra Nas di Pescara, carabinieri di Rosciano, ispettori del Lavoro e delle Finanze. Quattrocchi si difese sventolando i protocolli sanitari: le cinghie di contenzione dovevano evitare gesti di autolesionismo e gli psicofarmaci erano previsti dalle terapie psichiatriche dei policlinici.
«Che cosa dovevamo fare per immobilizzare un giovane schizofrenico che cercava di tagliarsi le vene?», si chiese il manager.
Nel settembre 2006 vengono rinviati a giudizio 32 tra responsabili e operatori della coop con accuse gravi: maltrattamenti, violenze fisiche e psichiche, minacce, lesioni, sequestro di persona, abuso di autorità e di relazioni domestiche. Per non interrompere il servizio, l'attività di Cearpes viene ceduta alla Lilium Onlus (che la gestisce tuttora). Nel pieno della bufera mediatico-giudiziaria, Quattrocchi e il presidente della Lilium vengono anche rinviati a giudizio per bancarotta fraudolenta. Indotta dalle indagini.
L'assoluzione per la bancarotta è del 2013: per la Corte d'appello di Pescara il fatto non sussiste. Alcuni mesi fa anche il Tribunale di Pescara ha assolto con formula piena i 32 indagati per le presunte violenze: non erano maltrattamenti ma l'applicazione dei protocolli per malati psichiatrici. Quattrocchi è uscito assolto da 16 processi: «Non sono un appestato – dice – e la mia comunità, che accoglieva gente rifiutata da tutti, non era un lager».
Tutto bene ciò che finisce bene? No. Per 26 ragazzi si è interrotto il percorso di recupero. Quattro sono finiti in carcere per vari reati e altri dieci inseriti in strutture di contenimento. Cento dipendenti hanno perso il posto: 12 di essi erano in reinserimento, sette hanno ripreso a drogarsi, tre sono morti di overdose. Otto milioni di euro di patrimonio perduti. Un'odissea ora trasformata in uno spettacolo di denuncia realizzato da Milo Vallone intitolato «Nove petali di loto», che sarà presentato in anteprima mercoledì 22 al teatro Massimo di Pescara e arriverà a Milano il 18 novembre.

"Nove petali di Loto" al Teatro sala Fontana di Milano Debutta la pièce ispirata al caso Cearpes, la Onlus che accoglieva minori con disagi comportamentali chiusa per un caso di malagiustizia

"Nove petali di Loto" al Teatro sala Fontana di Milano

Debutta la pièce ispirata al caso Cearpes, la Onlus che accoglieva minori con disagi comportamentali chiusa per un caso di malagiustizia





Martedì 18 novembre al Teatro Sala Fontana di Milano debutta “Nove Petali di Loto”, l’opera di cine-prosa di Milo Vallone e Luca Pompei liberamente ispirata al "Caso Cearpes", la realtà abruzzese che contava 90 dipendenti, 50 ospiti e 5 milioni di fatturato e azzerata dopo 9 anni di processi chiusi con assoluzione con formula piena da tutte le accuse di 32 imputati.



A tutela di tutte le vittime è nata l’associazione Amici di Cearpes Onlus che hanno sostenuto la creazione di uno spettacolo che affronta i temi scottanti del potere, della relazione con le istituzioni, dei rapporti tortuosi tra chi agisce e chi gestisce. Il calvario umano, professionale e giudiziario di un uomo e dei suoi amici/soci alle prese con un lavoro difficile (occuparsi di minori con problemi socio-comportamentali), a contatto quotidianamente con ragazzi che vivono tra leggi che non esistono e strutture carenti.

Una pièce che si colloca nell’ambito della tradizione del teatro civile italiano, per far conoscere un caso paradossale e accendere così i riflettori sulla schizzofrenia, su come la si cura, sulle professionalità necessarie e sulle autorità chiamate a riconoscerle e a tutelarle. Un progetto culturale che intende rappresentare un grido, una denuncia.

Il caso Cearpes
"La nostra struttura era un punto di riferimento in Italia per l’accoglienza di minori con gravi e gravissimi disagi socio-comportamentali. In pochi giorni siamo diventati degli orchi, un’associazione a delinquere ed i segni di un calvario giudiziario ed umano durato 9 anni, pure con la completa assoluzione di tutti gli imputati, ci sono rimasti impressi sulla pelle" spiega Dominique Quattrocchi, fondatore della cooperativa. "Nessuno si è preso la briga di chiedere scusa per un errore giudiziario che ha messo in ginocchio 70 famiglie per bene e aumentato a dismisura le difficoltà dei ragazzi nostri ospiti. Ed ora che abbiamo ottenuto giustizia crediamo di avere il dovere di raccontare la nostra storia e di chiedere una completa riabilitazione dei nostri nomi, del nostro passato, del nostro lavoro. Ancora una volta occorre poi sottolineare come, oltre a noi operatori, sono stati loro, i ragazzi, le vittime di una macchina del fango che ha spazzato via la struttura che li ospitava, li ha costretti a tornare al loro disagio, in circostanze percepite come ostili, creando loro ansia e fomentando la sensazione di inadeguatezza e insicurezza che li aveva condotti verso la necessita di un’assistenza".

Lo spettacolo
80 minuti, 6 attori in scena ed un progetto tra cinema e teatro che vede la firma dell’attore e regista Milo Vallone e di Luca Pompei. "Nove petali di Loto è un testo di fantasia, liberamente ispirato ad una storia vera" spiega Vallone, regista, attore e coautore di questa pièce della memoria. "Già nel titolo c’è la metafora che vogliamo raccontare: il fiore di loto è un fiore bellissimo ma la sua esistenza non è così facile. Quando inizia a germogliare, si trova sotto l'acqua sporca di laghi o piccoli stagni, circondato da fango e melma e tormentato da pesci e insetti. Ma il fiore di loto si fa forza e, crescendo, sale verso la superficie dell’acqua. Col tempo lo stelo continua ad allungarsi e il baccello lentamente emerge dall’acquitrino. È allora che il loto comincia ad aprirsi, petalo dopo petalo, nell’aria pulita e nel sole. Lo spettacolo segue il progetto CineprOsa, un modello di realizzazione che vede l’incontro e l’intreccio tra i linguaggi teatrali e quelli cinematografici, ne nasce così un vero e proprio cine-spettacolo che vede un continuo rimbalzo narrativo tra palco e schermo". 

Un affresco drammatico, liberamente tratto da una vicenda che ha fatto scalpore e
continua a farlo per l’evidenza di quegli elementi di malaffare, di superficialità e violenza che sono un emblema dell’Italia che prova a farcela ma sbatte contro il muro d’acciaio degli interessi dei pochi. La vicenda kafkiana di un uomo nel giusto schiacciato da un meccanismo capace di stritolare chi prova a mettersi di traverso, anche solo per difendere se stesso, il proprio lavoro, i principi in cui crede.

Cearpes, centro di eccellenza bollato come lager: tutti assolti

Cearpes, centro di eccellenza bollato 

come lager: tutti assolti


Ci sono voluti nove anni per arrivare alla verità. Anni difficili per 32 lavoratori travolti da accuse assurde, cancellati infine da una sentenza che suona così: assolti con formula piena. Maltrattamenti, botte, violenze, sequestri di persona: nulla di tutto questo si è mai verificato nella cooperativa Cearpes, oggi gestita dalla coop Lilium, che da anni si occupa di adolescenti con problemi psichiatrici a San Giovanni Teatino.
immagine
Aveva destato clamore la vicenda di questa struttura, che nel 2005 aveva fatto gridare frettolosamente allo scandalo i soliti benpensanti, fomentati dall'incessante opera denigratoria dei media. Ma Cearpes non era affatto un lager, dunque, al contrario, come hanno dimostrato non solo i tanti anni di lavoro 'sul campo', ma anche le decine di testimonianze e di atti emersi durante il processo, si tratta un centro di assistenza dove quei ragazzi, provenienti da tutta Italia, venivano accolti e assistiti nel migliore dei modi.
'Il fatto non sussiste', e quei 32 operatori, in poche parole, stavano semplicemente svolgendo il loro lavoro. Così, in sintesi, ha sentenziato con formula piena il giudice Patrizia Medica, dando ragione ai 32 imputati assistiti da un drappello di avvocati. Dopo una lunga attesa, ha avuto quindi ragione la linea difensiva, che può essere sintetizzata dalla memoria dell'Avv. Dante Angiolelli:
L'impostazione accusatoria, portata a conoscenza della pubblica opinione fin dall'inizio delle indagini, attraverso notizie filtrate agli organi di stampa ed amplificata in maniera devastante dall'attività propalatrice dei mass media, ha condotto alla mistificante e falsa rappresentazione della Comunità Cearpes, come una sorta di comunità degli orrori ovvero come un lager e luogo di torture, violenze e maltrattamenti per sventurati minori. Tutto ciò è risultato nettamente e clamorosamente smentito e contraddetto dalle univoche risultanze probatorie e processuali, le quali hanno dimostrato che invece l'attività della Società Cooperativa Cearpes è stata svolta in maniera altamente professionale e del tutto inappuntabile, a tutela e nell'interesse dei minori da essa ospitati, con scrupolo, sacrificio e dedizione continuativi ed indefessi sia da parte dei vertici e dirigenti di detta Cooperativa, che da parte dei collaboratori e dipendenti ( assistenti, educatori, operatori ecc.), con risultati terapeutici di significativa rilevanza positiva per i minori stessi, affetti da gravi patologie psichiatriche, tramite l'ausilio costante di specialisti e professionisti di primissimo ordine. Contrariamente a quanto si assume nelle ipotesi accusatorie, da parte sia dei vertici e dirigenti della Società Cooperativa Cearpes come pure da parte dei collaboratori, educatori ed operatori di essa, sono stati assicurati il migliore e più appropriato trattamento, cura e terapia dei minori alla medesima affidati, tanto da meritare alla medesima Cooperativa Cearpes l'accredito di un centro di eccellenza a livello nazionale in tali peculiari attività.
In sede di dibattimento in aula, significativa è stata la testimonianza del noto criminologo Francesco Bruno, nominato consulente della difesa. Il prof. Bruno ha ribadito con quanta attenzione, cura e dedizione si operasse all'interno della struttura: "Sono pervenuto alle conclusioni che la Cearpes disponesse di una serie di regolamenti, norme molto precise rispettate in maniera addirittura ossessiva." Analoghe attestazioni di stima e apprezzamento nei riguardi dell'opera svolta dalla Cearpes sono arrivate da parte di tanti medici specialisti in psichiatria, professionisti di chiara fama come il prof.Massimo Di Giannantonio e molti altri.

L’elenco degli assolti è lungo, ma la nostra testata ritiene doveroso pubblicarlo, in quanto è giusto che
, dopo la gogna mediatica alla quale sono stati sottoposti per anni, tutte queste persone abbiano, com'è loro diritto, la soddisfazione di veder riconosciuta pubblicamente la loro dignità, umana e professionale: 
Dominique Quattrocchi, 52 anni, nato a Anncey (Francia) e residente a San Giovanni Teatino; Fulvio Iosi, 48, nato a Foggia e residente a San Giovanni Teatino; Fioralba Ferrante, 38, nata a Chieti e residente a Torrevecchia Teatina; Franco Tambone, 39 anni, di Pescara; Francesco Vergato, 40, nato a Salerno e residente a Collecorvino (Pescara); Francesca Ficorilli, 32, di Sulmona (L’Aquila); Marco Pierdomenico, 42, nato a Chieti e residente a Casalincontrada; Antonio Potere, 35, nato a Pescara e residente a Manoppello (Pescara); Vittorio Lupinetti, 43 anni, nato a Chieti e residente a Città Sant’Angelo (Pescara); Ernesto Caranci, 37, nato a Venafro (Isernia) e residente a Pescara; Nadir Scilinguo, 34, nato a Lungro (Cosenza) e residente a Pescara; Giuseppina Armideo, 56, di Fara San Martino; Filomena Pantalone, 33, nata a Chieti e residente a Ripa Teatina; Maria Gabriella Cianci, 52, di Pescara; Stefania Nunziata, 34, nata a Napoli e residente a Palma Campania (Napoli); Annarita D’Alberto, 53, di Pescara; Dario Rosato, 34, di Guardiagrele; Roberto Rascato, 36, nato a Sorrento (Napoli) e residente a Lanciano; Giovanni Castriotta, 45, nato a Manfredonia (Foggia) e residente a Chieti; Cristina Masci, 29, di Pescara; Ileana Faieta, 39, nata a Pescara e residente ad Alanno (Pescara); Shyqyri Ceka, 48, nato a Tirana (Albania) e residente a Montesilvano (Pescara); Luigi Russo, 32, nato a Terlizzi (Bari) e residente a Ruvo di Puglia (Bari); Massimiliano D’Onofrio, 35, nato a Ortona e residente a Francavilla al Mare; Valeria Argentieri, 39, nata a Popoli
(Pescara) e residente a Torre de’ Passeri (Pescara); Annarita Coletti, 45, di Bussi sul Tirino (Pescara); Francesco Savino Lasala, 38, di Barletta; Umberto Di Rocco, 48, di Pescara; Marco Vignetti, 39, di Pescara; Vincenzo Panzella, 45, nato a Yverdon (Svizzera) e residente a Casoli; Francesco Covella, 38, nato a Chieti e residente a Torrevecchia Teatina e Andrea Lepore, 44 anni, di Chieti.

“Nove petali di loto”… il caso Cearpes diventa una piece teatrale giornaledimontesilvano

“Nove petali di loto”… il caso Cearpes diventa una piece teatrale 

                                                    giornaledimontesilvano



Intrattenimento/

80 minuti, 6 attori in scena ed un progetto tra cinema e teatro che vede la firma dell’attore e regista Milo Vallone e di Luca Pompei. Mercoledì 22 ottobre a Pescara l’anteprima nazionale dello spettacolo - Un’operazione-verità sul cortocircuito giudiziario-politico-mediatico che si è abbattuto sulla cooperativa CEARPES sociale abruzzese, "il dovere di raccontare la nostra storia e di chiedere una completa riabilitazione dei nostri nomi".

9 anni di processi per l’assoluzione con formula piena di 32 imputati da tutte le accuse. Nel frattempo Cearpes – che contava 90 dipendenti, 50 ospiti e 5 milioni di fatturato - è stata azzerata. Oltre 70 famiglie buttate sul lastrico dalla malagiustizia, la cattiva politica e l’eco dei media. A tutela di tutte le vittime nasce ora l’associazione Amici di Cearpes Onlus.
Pescara, lunedì 20 ottobre 2014 – Si è tenuta oggi la conferenza stampa di presentazione di “Nove petali di Loto,” l’opera di cine-prosa di Milo Vallone (testo di fantasia liberamente ispirato) che debutterà in prima nazionale a Milano il 5 novembre e che avrà la sua Anteprima al Teatro Massimo di Pescara mercoledì 22 ottobre alle ore 21,00.
Dalla vicenda paradossale e kafkiana di Cearpes e del suo Presidente Dominique Quattrocchi nasce uno spettacolo che affronta i temi scottanti del potere, della relazione con le istituzioni, la burocrazia…dei rapporti tortuosi tra chi agisce e chi gestisce.

Proprio a Pescara l’anteprima di una tournée nazionale volta, attraverso una pièce che si colloca nell’ambito della migliore tradizione del teatro civile italiano, a far conoscere un caso fortemente emblematico di tante vicende italiane.
80 minuti, 6 attori in scena ed un progetto tra cinema e teatro che vede la firma dell’attore e regista Milo Vallone e di Luca Pompei.
"“Nove petali di Loto” è un testo di fantasia, liberamente ispirato ad una storia vera. Già nel titolo c’è la metafora che vogliamo raccontare: il fiore di loto è un fiore bellissimo ma la sua esistenza non è così facile. Quando inizia a germogliare, si trova sotto l'acqua sporca di laghi o piccoli stagni, circondato da fango e melma e tormentato da pesci e insetti. Ma il fiore di loto si fa forza e, crescendo, sale verso la superficie dell’acqua. Col tempo lo stelo continua ad allungarsi e il baccello lentamente emerge dall’acquitrino. E’ allora che il loto comincia ad aprirsi, petalo dopo petalo, nell’aria pulita e nel sole – spiega Milo Vallone regista, attore e coautore di questa pièce della memoria. – Lo spettacolo segue il progetto CineprOsa, un modello di realizzazione che vede l’incontro e l’intreccio tra i linguaggi teatrali e quelli cinematografici, ne nasce così un vero e proprio cine-spettacolo che vede un continuo rimbalzo narrativo tra palco e schermo".
Un affresco drammatico, liberamente tratto da una vicenda che ha fatto scalpore e continua a farlo per l’evidenza di quegli elementi di malaffare, di superficialità e violenza che sono un emblema dell’Italia che prova a farcela ma sbatte contro il muro d’acciaio degli interessi dei pochi. La vicenda kafkiana di un uomo nel giusto schiacciato da un meccanismo capace di stritolare chi prova a mettersi di traverso, anche solo per difendere se stesso, il proprio lavoro, i principi in cui crede.
Dopo 9 anni ora si cerca di ristabilire una verità accertata sul piano giudiziario ma ancora lontana dall’essere abbracciata appieno da una comunità troppo spesso sviata e sconvolta da notizie parziali, sensazionalistiche e spesso prive di fondamento.

"La nostra struttura era un punto di riferimento in Italia per l’accoglienza di minori con gravi e gravissimi disagi socio-comportamentali. In pochi giorni siamo diventati degli orchi, un’ associazione a delinquere ed i segni di un calvario giudiziario ed umano durato 9 anni, pure con la completa assoluzione di tutti gli imputati, ci sono rimasti impressi sulla pelle. – spiega Dominique Quattrocchi, fondatore della cooperativa C.E.A.R.P.E.S. – Nessuno si è preso la briga di chiedere scusa per un errore giudiziario che ha messo in ginocchio 70 famiglie per bene e aumentato a dismisura le difficoltà dei ragazzi nostri ospiti. Ed ora che abbiamo ottenuto giustizia crediamo di avere il dovere di raccontare la nostra storia e di chiedere una completa riabilitazione dei nostri nomi, del nostro passato, del nostro lavoro. Ancora una volta occorre poi sottolineare come, oltre a noi operatori, sono stati loro, i ragazzi, le vittime di una macchina del fango che ha spazzato via la struttura che li ospitava, li ha costretti a tornare al loro disagio, in circostanze percepite come ostili, creando loro ansia e fomentando la sensazione di inadeguatezza e insicurezza che li aveva condotti verso la necessita di un’assistenza".

Alla conferenza stampa sono intervenuti il Prof. Francesco Bruno, psichiatra e criminologo; Dominique Quattrocchi, fondatore di Cearpes; Milo Vallone, attore e regista; Nello Bologna, responsabile campagna #amicidicearpes.

Cearpes, nessun lager. Il tribunale assolve 32 operatori

Cearpes, nessun lager. Il tribunale assolve 32 operatori

Ci sono voluti nove anni per arrivare alla verità. Anni difficili per 32 lavoratori travolti da accuse assurde, cancellati infine da una sentenza che suona così: assolti con formula piena. Maltrattamenti, botte, violenze, sequestri di persona: nulla di tutto questo si è mai verificato nella cooperativa Cearpes, oggi gestita dalla coop Lilium, che da anni si occupa di adolescenti con problemi psichiatrici a San Giovanni Teatino.
Aveva destato clamore la vicenda di questa struttura, che nel 2005 aveva fatto gridare frettolosamente allo scandalo i soliti benpensanti, fomentati dall’incessante opera denigratoria dei media. Ma Cearpes non era affatto un lager, dunque, al contrario, come hanno dimostrato non solo i tanti anni di lavoro ‘sul campo’, ma anche le decine di testimonianze e di atti emersi durante il processo, si tratta un centro di assistenza dove quei ragazzi, provenienti da tutta Italia, venivano accolti e assistiti nel migliore dei modi.
‘Il fatto non sussiste’, e quei 32 operatori, in poche parole, stavano semplicemente svolgendo il loro lavoro. Così, in sintesi, ha sentenziato con formula piena, lo scorso gennaio il giudice Patrizia Medica, dando ragione ai 32 imputati assistiti da un drappello di avvocati. Dopo una lunga attesa, ha quindi avuto ragione la linea difensiva, che può essere sintetizzata dalla memoria dell’Avv. Dante Angiolelli:
La impostazione accusatoria, portata a conoscenza della pubblica opinione fin dall’inizio delle indagini, attraverso notizie filtrate agli organi di stampa ed amplificata in maniera devastante dall’attività propalatrice dei mass media, ha condotto alla mistificante e falsa rappresentazione della Comunità Cearpes, come una sorta di comunità degli orrori ovvero come un lager e luogo di torture, violenze e maltrattamenti per sventurati minori. Tutto ciò è risultato nettamente e clamorosamente smentito e contraddetto dalle univoche risultanze probatorie e processuali, le quali hanno dimostrato che invece l’attività della Società Cooperativa Cearpes è stata svolta in maniera altamente professionale e del tutto inappuntabile, a tutela e nell’interesse dei minori da essa ospitati, con scrupolo, sacrificio e dedizione continuativi ed indefessi sia da parte dei vertici e dirigenti di detta Cooperativa, che da parte dei collaboratori e dipendenti ( assistenti, educatori, operatori ecc.), con risultati terapeutici di significativa rilevanza positiva per i minori stessi, affetti da gravi patologie psichiatriche, tramite l’ausilio costante di specialisti e professionisti di primissimo ordine. Contrariamente a quanto si assume nelle ipotesi accusatorie, da parte sia dei vertici e dirigenti della Società Cooperativa Cearpes come pure da parte dei collaboratori, educatori ed operatori di essa, sono stati assicurati il migliore e più appropriato trattamento, cura e terapia dei minori alla medesima affidati, tanto da meritare alla medesima Cooperativa Cearpes l’accredito di un centro di eccellenza a livello nazionale in tali peculiari attività.
In sede di dibattimento in aula, significativa è stata la testimonianza del noto criminologo Francesco Bruno, nominato consulente della difesa. Il prof. Bruno ha ribadito con quanta attenzione, cura e dedizione si operava all’interno della Cearpes: ” Sono pervenuto alle conclusioni che la Cearpes disponesse di una serie di regolamenti, norme molto precise rispettate in maniera addirittura ossessiva.” Analoghe attestazioni di stima e apprezzamento nei riguardi dell’opera svolta dalla Cearpes sono arrivate da parte di tanti medici specialisti in psichiatria, professionisti di chiara fama come il prof. Massimo Di Giannantonio e molti altri.
L’elenco degli assolti è lungo, ma la nostra testata ritiene doveroso pubblicarlo, in quanto è giusto che, dopo la gogna mediatica alla quale sono stati sottoposti per anni, tutte queste persone abbiano, com’è loro diritto, la soddisfazione di veder riconosciuta pubblicamente la loro dignità, umana e professionale:
Dominique Quattrocchi, 52 anni, nato a Anncey (Francia) e residente a San Giovanni Teatino; Fulvio Iosi, 48, nato a Foggia e residente a San Giovanni Teatino; Fioralba Ferrante, 38, nata a Chieti e residente a Torrevecchia Teatina; Franco Tambone, 39 anni, di Pescara; Francesco Vergato, 40, nato a Salerno e residente a Collecorvino (Pescara); Francesca Ficorilli, 32, di Sulmona (L’Aquila); Marco Pierdomenico, 42, nato a Chieti e residente a Casalincontrada; Antonio Potere, 35, nato a Pescara e residente a Manoppello (Pescara); Vittorio Lupinetti, 43 anni, nato a Chieti e residente a Città Sant’Angelo (Pescara); Ernesto Caranci, 37, nato a Venafro (Isernia) e residente a Pescara; Nadir Scilinguo, 34, nato a Lungro (Cosenza) e residente a Pescara; Giuseppina Armideo, 56, di Fara San Martino; Filomena Pantalone, 33, nata a Chieti e residente a Ripa Teatina; Maria Gabriella Cianci, 52, di Pescara; Stefania Nunziata, 34, nata a Napoli e residente a Palma Campania (Napoli); Annarita D’Alberto, 53, di Pescara; Dario Rosato, 34, di Guardiagrele; Roberto Rascato, 36, nato a Sorrento (Napoli) e residente a Lanciano; Giovanni Castriotta, 45, nato a Manfredonia (Foggia) e residente a Chieti; Cristina Masci, 29, di Pescara; Ileana Faieta, 39, nata a Pescara e residente ad Alanno (Pescara); Shyqyri Ceka, 48, nato a Tirana (Albania) e residente a Montesilvano (Pescara); Luigi Russo, 32, nato a Terlizzi (Bari) e residente a Ruvo di Puglia (Bari); Massimiliano D’Onofrio, 35, nato a Ortona e residente a Francavilla al Mare; Valeria Argentieri, 39, nata a Popoli (Pescara) e residente a Torre de’ Passeri (Pescara); Annarita Coletti, 45, di Bussi sul Tirino (Pescara); Francesco Savino Lasala, 38, di Barletta; Umberto Di Rocco, 48, di Pescara; Marco Vignetti, 39, di Pescara; Vincenzo Panzella, 45, nato a Yverdon (Svizzera) e residente a Casoli; Francesco Covella, 38, nato a Chieti e residente a Torrevecchia Teatina e Andrea Lepore, 44 anni, di Chieti.

sabato 27 giugno 2015

La storia (vera) di una preziosa opera sociale triturata da 16 processi in 9 anni. Tutti assolti

La storia (vera) di una preziosa opera sociale triturata da 16 processi in 9 anni. Tutti assolti


 



Novembre 18, 2014 Matteo Rigamonti
Con “Nove Petali di Loto” va in scena a teatro la vicenda della cooperativa Cearpes per l’accoglienza di minori disagiati, caso simbolo di tanti calvari giudiziari all’italiana
nove petali di loto teatroDebutta questa sera in prima nazionale a Milano presso il Teatro Sala Fontana Nove Petali di Loto, opera teatrale in cine-prosa diretta da Milo Vallone e Luca Pompei. Si tratta di un testo di fantasia liberamente ispirato a una storia vera, quella della cooperativa sociale Cearpes di San Giovanni Teatino, in provincia di Chieti. Una cooperativa fondata nel 1986 che si occupava di accoglienza, recupero e reinserimento collettivo di minori con gravi e gravissimi disagi socio-comportamentali, come la schizofrenia. Fino a che, nei primi anni Duemila, si è trovata invischiata in un vortice mediatico-giudiziario che ne ha distrutto l’immagine e l’operato, pregiudicando la prosecuzione dell’attività e costringendo una cinquantina di pazienti e quasi un centinaio di dipendenti a restare a casa. Anche se poi, dopo 9 anni di calvario, a gennaio di quest’anno, il suo fondatore Dominique Quattrocchi è stato assolto in tutti e 16 i processi che hanno coinvolto lui, la sua cooperativa e una trentina di altri imputati.
COOP ROSSE E SINDACATI. «La cooperativa era un punto di riferimento in Italia», ha spiegato Quattrocchi, «ma in pochi giorni siamo diventati degli orchi, un’associazione a delinquere e i segni di un calvario giudiziario ed umano durato 9 anni, conclusosi pure con la completa assoluzione di tutti gli imputati, ci sono rimasti impressi sulla pelle». Nel sito della cooperativa la storia è ricostruita con dettagli cronologici inquietanti: i guai giudiziari sarebbero scattati in seguito ai «contrasti con la Lega delle Cooperative e la Cgil Abruzzo», con le quali Cearpes non voleva più avere a che fare. Ma le Coop e la Cgil – è la pesante accusa contenuta nella versione di Cearpes – insistevano nel chiedere «tesseramenti e l’assunzione» di alcuni parenti dei loro vertici, richieste che la cooperativa di Quattrocchi ha sempre respinto.
Nove Petali di Loto locandinaUN’ECCELLENZA IN FUMO. È una vicenda «che ha fatto scalpore e continua a farlo», si legge sulla nota stampa che accompagna lo spettacolo, ma «la verità accertata sul piano giudiziario è ancora lontana dall’essere abbracciata appieno da una comunità troppo spesso sviata e sconvolta da notizie parziali, sensazionalistiche e spesso prive di fondamento».
È anche per questo motivo, dunque, che lo spettacolo Nove Petali di Loto aspira a dare un contributo di verità. «Già nel titolo c’è la metafora che vogliamo raccontare», confida a tempi.it Vallone: «Il fiore di loto, infatti, è un fiore bellissimo, ma la sua esistenza non è così facile». Proprio come nel caso della cooperativa Cearpes, un’eccellenza riconosciuta dai pubblici uffici in Italia e apprezzata anche all’estero (come testimoniava il numero di pazienti stranieri accolti) che però è finita nel tritacarne mediatico-giudiziario. «Il suo fondatore, però, è stato assolto in tutti e 16 i processi in cui è stato coinvolto». Le accuse formulate nei suoi confronti erano pesantissime, «maltrattamenti e sevizie agli ospiti della struttura» oltre a una «catena di ulteriori capi di imputazione, su tutti quello di bancarotta fraudolenta».
LA GOGNA MEDIATICA. Sebbene per nessuno di questi capi di accusa la procura di Chieti abbia riscontrato evidenti colpevolezze o responsabilità da parte di Quattrocchi, tuttavia «i titoli dei giornali di allora non lasciavano spazio a presunzioni di innocenza: si parlava di “mostro”, “casa degli orrori” e addirittura di “lager”», ricorda il regista che ben conosce la vicenda. Ma di «vicende analoghe ce ne sono a iosa in Italia», puntualizza Vallone, «ed è proprio ciò che vogliamo mettere in scena»; è questo il motivo per cui nello spettacolo «non si fa esplicito riferimento» al caso Cearpes, anche se i nomi del fondatore (Occhipinti) e della cooperativa (Precase) suonano molto similari.
«Il messaggio che vogliamo dare – conclude Vallone – è che i cittadini non sono né pupazzi né carne da macello, ma rappresentanti a pieno diritto della società civile e non meritano mai trattamenti ingiusti da parte dei cosiddetti “poteri forti” dello Stato, siano essi la magistratura, la procura, i sindacati o la politica». E l’auspicio è che in questi casi, comunque, non si neghi a nessuno un’altra possibilità. Come nel caso di Cearpes, «che è desiderosa di riaccreditarsi presso l’opinione pubblica e ripartire». Non sarà semplice.


La cooperativa cearpes, oggi gestita dalla Lilium, non era un lager ma un centro di eccellenza a livello nazionale

la cooperativa cearpes, oggi gestita dalla coop lilium, non era un lager ma un centro di eccellenza a livello nazionale

La cooperativa CEARPES, 

oggi gestita dalla LILIUM,

 non era un lager ma un centro di 

eccellenza a livello nazionale



la cooperativa cearpes, oggi gestita dalla coop lilium, non era un lager ma un centro di eccellenza a livello nazionale

CHIETI. Assolti con formula piena dopo nove anni. nessun maltrattamento e sequestro di persona nel centro della cooperativa CEARPES per adolescenti con problematiche psichiatriche gravi e gravissimi di San Giovanni Teatino che oggi è gestito dalla coop LILIUM.

La cooperativa Cearpes non era un lager dove quei ragazzi, venuti in Abruzzo dall'Alto Adige, Trentino, Lombardia, Emilia Romagna, Umbria, Marche, Sardegna, Calabria, Sicilia, Comune di Napoli, Comune di Bari e da tante altre parti d'Italia, ricoverati nel centro anche su ordine del giudice per i minori.
Quei 32 operatori, in poche parole, erano mossi da uno stato di necessità. Così, in sintesi, ha sentenziato con formula piena, il 17 gennaio scorso a Chieti, il giudice Patrizia
Medica . Vince la difesa dei 32 imputati assistiti da un drappello di avvocati (Borgia Cesare, Supino Vittorio, Di Nunzio Aurelia, Azzariti Stefano, Angiolelli Dante, vedere l'elenco completo in fondo all'articolo) e L'avvocato Pilotti Aielli che in corso del processo ha duvuto lasciare la difesa del Presidente Quattrocchi Dominique e della Vice Presidente Cianci Maria Gabriela per motivi di salute a favore degli studi Borgia ed Angiolelli.
Dopo che lo stesso pm, Giuseppe Falasca, aveva chiesto le assoluzioni ma per prescrizione e non con formula piena nella stessa requisitoria del Pubblico Ministero all'udienza 15.11.2013.egli afferma :
"Ebbene le sole dichiarazioni introdotte tramite le dichiarazioni resa alla polizia giudiziaria ed acquisite ai sensi dell'art. 512 c. p. p. costituiscono una probatio minor, come insegna la giurisprudenza di legittimità in quanto devono trovare conforto in altre elementi individuati dal giudice."


Chiedendo egli stesso l'assoluzione perché ; il fatto non sussiste. per tutti gli imputati con queste formule:
"All'esito dell'istruttoria si devono trarre le dovute conseguenze nelle richieste da parte del 'Pubblico Ministero come segue:
-il fatto storico è introdotto nel dibattimento dal verbale di sommarie informazioni acquisite ai sensi dell'art. 512 e. p. p. ma insufficiente a sostenere l'accusa; il fatto non sussiste.
-nessuno dei testimoni escussi, chiamato a riferire sui fatti ha saputo riportare l'evento; il fatto non sussiste
-il fatto storico è introdotto nel dibattimento dal verbale di sommarie informazioni acquisite ai sensi dell'art. 512 c. p. p. ma insufficiente a sostenere l'accusa; il fatto non sussiste.
-assoluzione perché il fatto non sussiste in quanto nessuno dei testimoni ha ricordato il fatto
-l'istruttoria dibattimentale non ha consentito affatto di ricostruire l'accaduto; il fatto non sussiste.
-La testimonianza per tale morivo non può essere posta a fondamento dell'affermazione della responsabilità penale degli imputati essendo quantomeno controversa la credibilità del racconto sotto ,i1 profilo dell'esattezza dei ricorsi della vittima e testimone dei fatti. Assoluzione per non avere commesso il fatto;
-il fatto perché nessuno dei testimoni ha ricostruito il fatto nel dibattimento, e la stessa persona offesa non è stata in grado di dare il suo contributo alla ricostruzione della segregazione.
Ha vinto la linea difensiva che è stata affermato da tutti difensori che può essere sintetizzata in questi paragrafi dall'Avv. DANTE ANGIOLELLI della sua MEMORIA DIFENSIVA:

"La impostazione accusatoria, portata a conoscenza della pubblica opinione fin dall'inizio delle indagini, attraverso notizie filtrate agli organi di stampa ed amplificata in maniera devastante dall'attività propalatrice dei mass media, ha condotto alla mistificante e falsa rappresentazione della Comunità Cearpes come una sorta di comunità degli orrori ovvero come un lager e luogo di torture, violenze e maltrattamenti per sventurati minori.
Tutto ciò è risultato nettamente e clamorosamente smentito e contraddetto dalle univoche risultanze probatorie e processuali, le quali hanno dimostrato che invece l'attività della Società Cooperativa Cearpes è stata svolta in maniera altamente professionale e del tutto inappuntabile, a tutela e nell'interesse dei minori da essa ospitati, con scrupolo, sacrificio e dedizione continuativi ed indefessi sia da parte dei vertici e dirigenti di detta
Contrariamente a quanto si assume nelle ipotesi accusatorie, da parte sia dei vertici e dirigenti della Società Cooperativa Cearpes come pure da parte dei collaboratori, educatori ed operatori di essa, sono stati assicurati il migliore e più appropriato trattamento, cura e terapia dei minori alla medesima affidati, tanto da meritare alla medesima Cooperativa Cearpes l'accredito di un centro di eccellenza a livello nazionale in tali peculiari attività."
"Il trattamento e la cura dei minori ospitati, per quel che concerne anche leterapie farmacologiche e l'uso della contenzione, sono avvenuti sulla base di un regolamento scritto approntato dai vertici della cooperativa Cearpes, quale versato in atti, contenente la indicazione e descrizione delle mansioni demandate ai singoli assistenti, educatori ed operatori della Cearpes e sulla base di periodici corsi di aggiornamento, nonché sotto stretto ed assiduo controllo medico, senza che sia possibile ravvisare in essi alcuna violazione delle regole e dei protocolli di carattere sanitario vigenti in suhiecta materia né dei diritti e/o della salute psicofisica dei minori ospitati, essendo posti in essere nel loro esclusivo interesse ed a tutela della loro salute."

A conforto di quanto detto, le difese hanno escusso durante questo processo un significativo numero di professori e medici specialisti, i quali hanno tutti ribadito una concorde e positiva opinione in merito alle cure e trattamenti effettuati presso la Cearpes dagli assistenti, educatori ed operatori della stessa.
Si ricordi ad esempio, quanto riferito all'udienza del 29.6.2012 del teste Dott. Di Iorio Giuseppe, psichiatra presso il Centro di Salute Mentale di Chieti, e che all'epoca dei fatti svolgeva attività di specializzando:"... adesso nella mia esperienza professionale ne frequento tante di strutture come servizio inviante e quello che faceva la Cearpes in termini di formazione, supervisione, controllo da parte di terzi sul nostro operato, autocritica rispetto al potersi migliorare, addirittura c'erano delle riunioni per dire come possiamo migliorarci. Il fatto di mettere nero su bianco tutto quello che si facesse, non l'ho visto da nessuna altra parte, ed io sono un servizio inviante che gira e mi stupisco quando chiedo del materiale di cui i servizi invianti da me interrogati, non sanno neanche l'esistenza. E' un modello, secondo me, di eccellenza".
Ed ancora, sempre a dimostrazione dell'avanguardia nella propria attività della struttura Cearpes già nel 2003, detto teste Dott. Di Iorio, a precisa domanda della difesa: "senta lei a parte quello della Cearpes ha visto altri protocolli di contenzione in giro nelle strutture?", rispondeva che "nelle ASL ci si sta pensando adesso -- anno 2012 (!!) - nel senso che siamo in una fase di ristrutturazione dipartimentale in cui si sta ponendo il problema della regolamentazione",
Ed ancora il Prof. Francesco Bruno, la cui fama e professionalità è riconosciuta a livello nazionale ed internazionale, consulente della difesa, escusso in data 9.11.2012, ha ribadito con quanta attenzione, cura e dedizione, si operava all'interno della Cearpes:

Prof. Francesco Bruno
" la comunità aveva già una serie di regolamenti, di regole molto precise direi addirittura ossessivamente ..." "io sono pervenuto alle conclusioni che la Cearpes, almeno di cui chiaramente ." ". ho visto i documenti di regolamenti e così via, soprattutto per ciò che faceva nei confronti degli utenti, di che cosa si occupava". Analoghe e motivate attestazioni di stima e di apprezzamento nei riguardi della meritoria opera svolta dalla Cearpes si sono avute da parte di altri numerosi testi escussi in dibattimento, soprattutto da parte di medici specialisti in psichiatria, tra cui il Prof. Massimo Di Giannantonio, il Prof. Luigi Conte, il Dott. Vitantontonio Di Fabio, la Dottoressa Maccallini Angela, il Dott. Massimiliano Garzarella e la dott.ssa Clara Messner, nonché psicologi tra cui la Dott.ssa Marcella Di Bernardo, la Dott.ssa Maddalena Fernando e la Dott.ssa. Rita Lorito."
Dalla memoria dell'avvocato Aurelia Di Nunzio si evidenzia:
Il Consulente Dott. Francesco Bruno sulla base della diagnosi, dopo aver esaminato la cospicua documentazione sanitaria, ha ritenuto trattarsi di soggetto con problemi talmente gravi di sviluppo adattativo da renderlo del tutto incapace di seguire leggi, norme, ordini e regolamenti e quindi incapace di controllare i suoi comportamenti. Questa condizione, se unita all'impossibilità emotiva di regolare il suo comportamento sulla base delle reazioni dell'altro, certamente ne fa un soggetto mentalmente non idoneo a testimoniare ( vedasi relazione del dott. Francesco Bruno),
Il Prof. Di Giannantonio Massimo sentito ha dichiarato che i casi trattati da Cearpes sono tutti gravi e gravissimi e a domanda precisa della difesa se anche ".....turbe del comportamento e di personalità, comportamento impulsivo e oppositivo" fossero anch'esse patologie gravi, ha risposto che sono tutte gravi e gravissime"

Cooperativa, che da parte dei collaboratori e dipendenti ( assistenti, educatori, operatori ecc.), con risultati terapeutici di significativa rilevanza positiva per i minori stessi, affetti da gravi patologie psichiatriche, tramite l'ausilio costante di specialisti e professionisti di primissimo ordine.
Prof. Massimo Di Giannantonio
Tutti gli psichiatri, neuropsichiatri, psicologi sentiti hanno confermato che, per questi pazienti la falsata rappresentazione della realtà, la manipolazione dei fatti, costituisce la regola perché fortemente connaturale alla patologia dalla quali sono affetti.
E' emerso che la Cearpes era struttura di assoluto livello nel centro.-sud dove iragazzi venivano collocati dai servizi pubblici, dove veniva predisposto un programma psico-comportamentale personalizzato finalizzato al raggiungimento di determinati obiettivi in relazione ai vari aspetti di criticità, Una struttura dove si tenevano registri giornalieri per le attività svolte e gli interventi praticati su ogni utente, una struttura con formazione continua per gli operatori, una struttura dove si tenevano riunioni d'equipe e di staf, munita di personale specializzato e medici specialisti interni ed esterni, una struttura che, di fronte all'esigenza di gestire situazioni di alta criticità relativa alla pericolosa aggressività degli utenti si è posta problema di redigere un protocollo con le linee-guida necessarie redatte dopo la consultazione di specialisti in campo medico e giuridico; una struttura che si relazionava costantemente con i servizi invianti e i Tribunali per minorenni mettendoli al corrente dell'esecuzione del programma e delle problematiche connesse.
Una struttura di eccellenza, così corre è stata definita dai testi ascoltati.
Non è emersa nessuna situazione dalla quale possa emergere un abuso del mezzo di contenzione poiché attuato sulla base di un protocollo preciso con l'assistenza dei medici e infermieri e con il monitoraggio preciso dei paziente e con durata limitata allo stretto necessario alla ripristino della situazione di normalità
Come di seguito precisato dallo studio Studio Legale e Tributario Supino- Iezzi & Associati
Dalla Sentenza del Tribunale minorenni Bari 02 luglio 2009

Il ricorso all'uso dei mezzi di contenzione in ipotesi di soggetto vittima di comportamenti scompensati dal punto di vista neuropsichiatrico è consentito come " " extremaratio"", in casi eccezionali, quando vi sia un concreto pericolo per l'incolumità personale e sempre nel rispetto della persona umana, che deve essere interpretato in maniera estremamente rigorosa quando si tratti di un minore. Nel processo valutativo il Giudice deve contemperare la situazione concreta che affligge il minore, avvalendosi del supporto tecnico necessario in tali casi, con i criteri guida offerti dalla legge, segnatamente dagli art. 60 R.d. n 615 del 1909 e art. 1 l. n. 180 del 1978, incorporata nella l. n. 833 del 1978 istitutiva del S.s.n.
L'elenco degli assolti è lungo, eccolo: Dominique Quattrocchi, 52 anni, nato a Anncey (Francia) e residente a San Giovanni Teatino; Fulvio Iosi, 48, nato a Foggia e residente a San Giovanni Teatino; Fioralba Ferrante, 38, nata a Chieti e residente a Torrevecchia Teatina; Franco Tambone, 39 anni, di Pescara; Francesco Vergato, 40, nato a Salerno e residente a Collecorvino (Pescara); Francesca Ficorilli, 32, di Sulmona (L'Aquila); Marco Pierdomenico, 42, nato a Chieti e residente a Casalincontrada; Antonio Potere, 35, nato a Pescara e residente a Manoppello (Pescara); Vittorio Lupinetti, 43 anni, nato a Chieti e residente a Città Sant'Angelo (Pescara); Ernesto Caranci, 37, nato a Venafro (Isernia) e residente a Pescara; Nadir Scilinguo, 34, nato a Lungro (Cosenza) e residente a Pescara; Giuseppina Armideo

, 56, di Fara San Martino; Filomena Pantalone, 33, nata a Chieti e residente a Ripa Teatina; Maria Gabriella Cianci, 52, di Pescara; Stefania Nunziata, 34, nata a Napoli e residente a Palma Campania (Napoli); Annarita D'Alberto, 53, di Pescara; Dario Rosato, 34, di Guardiagrele; Roberto Rascato, 36, nato a Sorrento (Napoli) e residente a Lanciano; Giovanni Castriotta, 45, nato a Manfredonia (Foggia) e residente a Chieti; Cristina Masci, 29, di Pescara; Ileana Faieta, 39, nata a Pescara e residente ad Alanno (Pescara); Shyqyri Ceka, 48, nato a Tirana (Albania) e residente a Montesilvano (Pescara); Luigi Russo, 32, nato a Terlizzi (Bari) e residente a Ruvo di Puglia (Bari); Massimiliano D'Onofrio, 35, nato a Ortona e residente a Francavilla al Mare; Valeria Argentieri, 39, nata a Popoli (Pescara) e residente a Torre de' Passeri (Pescara); Annarita Coletti, 45, di Bussi sul Tirino (Pescara); Francesco Savino Lasala, 38, di Barletta; Umberto Di Rocco, 48, di Pescara; Marco Vignetti, 39, di Pescara; Vincenzo Panzella, 45, nato a Yverdon (Svizzera) e residente a Casoli; Francesco Covella, 38, nato a Chieti e residente a Torrevecchia Teatina e Andrea Lepore, 44 anni, di Chieti.
Avvocati della difesa
Avv Nome Avv cognome città
Dante Angiolelli Pescara
Stefano Azzariti Chieti
Cesare Borgia Pescara
Guido Brandimarte Chieti
Angela Bucci Guardiagrele
Sergio Della Rocca Pescara
Raffaella Di Giovanni
Aurelia Di Nunzio Pescara
Giovanni Golini Pescara
Sergio Iannucci Pescara
Michele Ippedico Ruvo di Puglia (Bari)
Antonio Luciani Francavilla Al Mare
Aielli Pilotti Pescara
Renato Renzi
Barbara Rosati Lanciano
Domenico Russi Pescara
Agostino Russo Pescara
Luca Scaricaciottoli Lanciano
Vittorio Supino Chieti Scalo
Stefania Trozzi Pescara
Per informazione:
Lilium Soc. Cooperativa Sociale a r.l. ONLUS
- Sede Legale: via Verdi, 18 - 66020 San Giovanni Teatino (CH) Italia
Tel./fax Uffici Amministrativi +39 085.9431044 / +39 085.9431264 -
tel./fax Ass. Sociali 085.9431296 / +39 085.9431929
sito web: www.cooplilium.it -
mail: info@cooplilium.it - marketing@cooplilium.it -
Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno


Potrebbe interessarti:http://www.chietitoday.it/cronaca/la-cooperativa-cearpes-lilium.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/ChietiToday/252983314738998